Stimolazione magnetica contro le dipendenze L’Usl VdA ha avviato una sperimentazione

Stimolazione magnetica contro le dipendenze L’Usl VdA ha avviato una sperimentazione
Pubblicato:
Aggiornato:

E’ stato avviato il progetto “Future waves against addiction” ideato e gestito dal responsabile del SerD, il Servizio per le Dipendenze dell’Usl. Si tratta della prima applicazione clinica sul territorio della Valle d’Aosta di una tecnologia innovativa, la stimolazione magnetica transcranica ripetitiva (rTMS - repetitive Transcranial Magnetic Stimulation), trattamento all'avanguardia per le dipendenze sia da sostanze che comportamentali. «Pochissimi centri sanitari pubblici in Italia possiedono questa tecnologia, riconosciuta come una nuova frontiera nel trattamento per le dipendenze e che offre un importante approccio complementare alle terapie farmacologiche. - spiega Gerardo Di Carlo, psichiatra responsabile del SerD - La rTMS ci permette di inserirci in un filone di ricerca fertile e promettente, aumentando il know-how della struttura e contribuendo al progresso scientifico dell’Azienda nel campo del trattamento delle dipendenze. La rTMS è una tecnica medica di neuromodulazione non invasiva che utilizza i campi magnetici per influenzare la funzionalità cerebrale modificando l’attività di precise aree del cervello e favorendo così il miglioramento terapeutico. Durate la seduta al paziente viene collocato su specifiche parti del cranio uno strumento (detto “coil”) in grado di produrre impulsi magnetici in modo ritmico alternato a pause. Le onde generate riescono, a seconda della frequenza, a stimolare o a inibire l’attività del tessuto nervoso sottostante. Questa procedura si è dimostrata efficace nel trattamento di una vasta gamma di disturbi di interesse psichiatrico, inclusi il Disturbo da Uso di Sostanze (cocaina, alcol, nicotina eccetera), il Disturbo da gioco d’azzardo, il Disturbo depressivo maggiore resistente al trattamento farmacologico, la Depressione con sintomi ansiosi, il Disturbo Ossessivo Compulsivo e molte altre condizioni. Essa trova applicazione anche in neurologia nel trattamento della Malattia di Parkinson, nel Morbo di Alzheimer, nella riabilitazione post-ictus, nel trattamento del dolore, nell’emicrania ed in diversi altri disturbi. Il trattamento è indolore; il paziente resta comodamente seduto, sveglio e vigile, mentre le onde elettromagnetiche vengono orientate sull’area cerebrale interessata. Il protocollo prevede tre sessioni di rTMS al giorno per un totale di 15 sessioni nell'arco di 5 giorni».

Lo studio clinico inizierà a breve con l’arruolamento dei pazienti e si concluderà con la pubblicazione dei risultati, in particolare valutando gli effetti sulla riduzione del “craving” (il desiderio compulsivo di una sostanza psicoattiva o di qualunque comportamento gratificante e addictogeno). I pazienti saranno monitorati attraverso valutazioni psichiatriche e psicologiche approfondite prima, durante e dopo il trattamento, includendo follow-up a 3 e 6 mesi dalla conclusione del trattamento per valutare la persistenza degli effetti terapeutici. Lo studio esplorerà anche gli effetti secondari del trattamento sul tono dell'umore, l'ansia, la qualità del sonno e il “craving” per la nicotina.

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Luglio 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031