Dal giornale

«Sono necessari ancora 25 milioni per completare la ciclovia Baltea»

Dal giornale 16 Gennaio 2021 ore 09:21

«Attualmente è stato realizzato il tratto tra Sarre e Fénis, sono in fase di progettazione e prossima realizzazione il prolungamento da Fénis a Pontey e i tratti integrativi tra Saint-Marcel e Fénis. È quasi definito l'itinerario tra Pont-Saint-Martin e Arvier, però rimane da risolvere il problema delle strettoie di Bard e Montjovet. L'attenzione sarà poi dedicata alla realizzazione di una segnaletica uniforme per tutti i percorsi ciclabili. Per completare la ciclovia di fondovalle sono necessari tra i venti e i venticinque milioni di euro, che sono da reperire».

Lo ha detto in Consiglio Valle l'assessore regionale all'Ambiente e Trasporti, Chiara Minelli, rispondendo - giovedì scorso, 14 gennaio - ad un'interpellanza sui percorsi ciclabili in Valle d'Aosta presentata dalla Lega Vallée d’Aoste.

«A novembre abbiamo inoltrato nuovamente la bozza del piano della mobilità ciclistica - ha aggiunto Chiara Minelli - alle associazioni interessate e ai Comuni tramite il Celva, per raccogliere pareri e suggerimenti: il piano analizza i fondamenti della mobilità in bicicletta finalizzato all'abbattimento dell'inquinamento ambientale e al miglioramento della qualità della vita, individuando le azioni prioritarie per gli investimenti. Il termine per il deposito delle osservazioni è previsto per fine gennaio 2021: i riscontri che stanno arrivando sono propositivi. Il piano individuerà una prima serie di percorsi ciclabili che sarà poi completata con i percorsi di mountain bike nei vari Comuni».

«Siamo sempre allo stesso punto: si parla di grossi interventi da realizzare, però di risultati non ce ne sono. - ha replicato Nicoletta Spelgatti - Le ciclabili in Valle d'Aosta praticamente non esistono. Però io ho chiesto una cosa completamente differente: sto parlando di agevolare la conoscenza dei nostri percorsi esistenti a favore del turismo e dello sport. Basterebbe individuare sulla cartina le nostre strade secondarie regionali, mettere una segnaletica e caricarle sull'App: è una cosa semplice da fare, non ci sono grossi investimenti. È così che si stimola la nostra economia, che si fa arrivare gente in Valle d'Aosta: promuovendo la conoscenza di quello che abbiamo da offrire».

In edicola
Prima pagina
Archivio notizie
Maggio: 2022
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
Abbonamento Digitale La Valléè