Pet Therapy: respinta una mozione

Pubblicato:
Aggiornato:

Giovedì scorso, 4 aprile, in Consiglio Valle è stata respinta con 26 astensioni e 9 voti a favore (Lega e Pcp), l'invito contenuto nella mozione del gruppo Lega Vallée d'Aoste a predisporre ogni iniziativa per l'introduzione del progetto Pet Therapy, sia all'interno delle strutture assistenziali, sia all'interno dei piani triennali per l'offerta formativa delle scuole valdostane. «L'interazione tra uomo e animali domestici educati allo scopo, è una pratica terapeutica sempre più diffusa che porta benefici a individui di tutte le età e si è dimostrata particolarmente efficace per i pazienti in ambiente ospedaliero. - Christian Ganis - Sarebbe un peccato non cogliere la possibilità di utilizzarla anche in Valle d'Aosta». «Con delibera di Giunta numero 1680 del 2015 sono state recepite le linee guida nazionali per gli interventi assistiti con gli animali, nella consapevolezza che le attività, improntate su rigorosi criteri scientifici, necessitano di una regolamentazione specifica per tutelare sia il paziente sia l'animale. - ha risposto l'assessore alla Sanità Carlo Marzi - Gli interventi sono svolti da équipes multidisciplinari e prevedono 3 tipologie di attività: terapia assistita con animali a valenza terapeutica con apposita prescrizione medica; educazione assistita di tipo educativo per accrescere le potenzialità di relazione delle persone in difficoltà; attività assistita con finalità di tipo ludico-ricreativo per migliorare la qualità della vita e la corretta interazione tra uomo e animale. Sia nelle strutture socio-sanitarie sia nella scuola sono portate avanti iniziative e progetti in tal senso. Fin dal 2010 è attivo un importante servizio di riabilitazione rivolto a persone con disabilità psicofisiche al maneggio nel Comune di Nus. Quanto richiesto dalla mozione è quindi un'attività che si sta già conducendo».

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Luglio 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031