Dal giornale

Per la prima volta è una donna a dirigere la Polizia Stradale in Valle d’Aosta

Per la prima volta è una donna a dirigere la Polizia Stradale in Valle d’Aosta
Dal giornale 16 Gennaio 2021 ore 20:32

Per la prima volta a dirigere la Polizia Stradale in Valle d’Aosta è una donna. La nuova dirigente, che si è insediata lunedì scorso, 11 gennaio, è il commissario capo Chiara Massi. Sostituisce il pari grado Andrea Concas, che va a dirigere la Polizia Stradale di Cuneo. In servizio nella Polizia di Stato dal 1998, ha diretto la Sezione di Polizia Stradale di Vercelli dal 2018 al 2019 e in seguito ha rivestito l'incarico di funzionario addetto al Compartimento di Polizia Stradale per il Piemonte e la Valle d'Aosta di Torino. «Alla Questura di Aosta - racconta Chiara Massi - ho trovato un ambiente accogliente, ben organizzato ed efficiente, con colleghi e personale preparati e attenti». Il commissario capo Chiara Massi ammette poi di essere «Sorpresa che il fatto che io sia la prima donna a dirigere la Polizia Stradale in Valle d’Aosta abbia suscitato tanto interesse. Infatti a me sembra una cosa normale, dato che gli ultimi 2 comandanti del Compartimento Piemonte e Valle d’Aosta sono state delle donne». Nata il 27 maggio 1973 a Lanzo Torinese, i suoi genitori sono Sandro Massi, farmacista, e Cristina Bruna, insegnante. La sorella Amalia vive nelle Marche e ha seguito le orme paterne dato, che pure lei è farmacista. Chiara Massi invece ha avvertito il richiamo della divisa che identifica come il simbolo di chi si mette a disposizione della comunità con onestà e senso del dovere. Così, dopo aver vinto il concorso da agente, consegue 2 lauree, una in Giurisprudenza e l’altra in Scienze Politiche. Titoli di studio che le aprono la carriera da funzionario. E sempre sul lavoro conosce il futuro marito, Tony Ponzetta in servizio alla Squadra Mobile di Torino. Da loro matrimonio nascono Gabriele che ha 6 anni e mezzo e Giacomo che ne ha 5. «Conoscevo già la Valle d’Aosta - riferisce il commissario capo Chiara Massi - perché venivo nella vostra regione da piccola per le vacanze con i miei genitori. Pratico lo sci di fondo e amo correre, pertanto credo che in questo territorio meraviglioso mi troverò benissimo». Sono 102 fra sottufficiali e agenti a essere comandati dalla nuova Dirigente e impegnati nel controllo dell’autostrada A5 da Pont-Saint-Martin a Courmayeur. «In particolare nella Sezione di Courmayeur - riferisce Chiara Massi - vi è stato un importante ricambio di personale, dato che su 28 unità sono 13 quelle nuove». Aggiunge Chiara Massi: «Sarebbe bello, comunque, avere una decina di persone in più. Dobbiamo in ogni caso fare del nostro meglio per assicurare la nostra presenza sui tratti autostradali senza dimenticare la viabilità di prossimità. Tra i nostri obiettivi vi è quello di prevenire e reprimere violazioni che possono avere conseguenze gravissime, come l’abuso di alcol da parte dei conducenti, l’uso del telefonino mentre si guida e le cinture di sicurezza non allacciate».

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Agosto 2022
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031