Passaporti non solo in Questura ma anche alle Poste

Passaporti non solo in Questura ma anche alle Poste
Pubblicato:
Aggiornato:

Si estende anche alla Valle d’Aosta il servizio di richiesta e rinnovo passaporti negli uffici postali dei Comuni inclusi nel progetto Polis di Poste Italiane. Il nuovo servizio, grazie al quale i cittadini non saranno più costretti a recarsi solo alla Questura di Aosta, è stato presentato martedì scorso, 14 maggio, a Pont-Saint-Martin ed è già operativo anche negli uffici postali di Gignod, Gaby, Oyace, Bard, Allein, Pontey, Nus e La Thuile. Il progetto Polis di Poste Italiane va dunque avanti a passi spediti in vista della sua progressiva estensione a tutti i 7.000 uffici postali attivi nei centri con meno di 15mila abitanti.

Il progetto Polis trasforma gli uffici postali nella casa dei servizi digitali, uno Sportello unico per rendere semplice e veloce l'accesso ai servizi della Pubblica Amministrazione in 7.000 Comuni al di sotto di 15mila abitanti. Il progetto prevede un investimento complessivo di 1,2 miliardi di euro, finanziato per 800 milioni con risorse del Piano complementare al Pnrr, mentre gli altri 400 milioni sono a carico di Poste Italiane.

Grazie alla convenzione firmata tra Poste Italiane, Ministero dell’Interno e Ministero delle Imprese e del Made in Italy, i cittadini residenti o domiciliati nei comuni Polis potranno aprire la pratica di richiesta o rinnovo del passaporto presentando la documentazione direttamente nell’ufficio postale, con la possibilità di ricevere il passaporto a domicilio.

Basterà consegnare all’operatore dell’ufficio postale del proprio comune un documento di identità valido, il codice fiscale, due fotografie (di cui una precedentemente legalizzata), una marca da bollo da 73,50 euro, in contrassegno telematico e pagare il bollettino di 42,50 euro. In caso di rinnovo bisognerà consegnare anche il vecchio passaporto o la copia della denuncia di smarrimento o furto del vecchio documento. Grazie alla piattaforma tecnologica di Poste Italiane, sarà l’operatore di sportello a raccogliere le informazioni e i dati biometrici del cittadino (impronte digitali e foto) inviando poi la documentazione all’ufficio di Polizia di riferimento. Il nuovo passaporto potrà essere consegnato da Poste Italiane direttamente a casa del richiedente.

«Questo nuovo servizio va incontro alle esigenze di cittadini che potranno ottenere il rilascio o il rinnovo del passaporto risparmiando così tempo e denaro. - ha dichiarato il responsabile della Filiale di Aosta di Poste Italiane Fabio Bajona - Siamo molto orgogliosi di portare nuovi servizi nei territori a dimostrazione dell’attenzione della vicinanza di Poste Italiane alle comunità».

Anche la dirigente della Squadra Mobile della Questura di Aosta commissario capo Jenny Vecchiato, responsabile del servizio, crede nell’efficacia della collaborazione: «Saranno accelerate le procedure per il rilascio del passaporto. Siamo contenti di essere stati inseriti in questo nuovo servizio, anche se, ci tengo a sottolinearlo, rispetto ad altre regioni, per quanto riguarda la tempistica del rilascio del passaporto, la Valle d’Aosta è virtuosa». Il servizio di rilascio del passaporto si aggiunge agli altri servizi attivi negli uffici postali Polis, ad esempio il ritiro di certificati anagrafici, di stato civile, previdenziali e le pratiche di volontaria giurisdizione.

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Luglio 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031