Nel 2023 l’attività chirurgica è cresciuta del 25%

Pubblicato:
Aggiornato:

Nel 2023 si è registrato un incremento del 25% di attività chirurgica - circa 3.000 interventi in più - rispetto al 2022, superando complessivamente anche il livello pre pandemia (+2,8% sul 2019). A questo si aggiunge un +11% del primo quadrimestre 2024 paragonato agli stessi mesi dell’anno scorso. Lo rende noto l’Usl VdA.

«Nonostante le ben note criticità che sta affrontando la sanità pubblica in tutte le regioni, nel nostro ospedale la crescita dell'attività chirurgica, anche oltre i livelli pre Covid, rappresenta un importante segnale dell’efficacia di una serie di azioni organizzative e di riprogrammazione e alla loro ricezione e applicazione da parte dei Direttori dei nostri reparti e di tutte le loro équipe. - dice il direttore generale dell’Usl Massimo Uberti - Questo risultato non significa che il problema liste di attesa per gli interventi sia risolto. Due anni di quasi azzeramento dovuto al Covid non si riassorbono in pochi mesi. Il dato positivo conferma però l’efficacia della strada che abbiamo intrapreso sperimentando un modello “flessibile” di ospedale. Una programmazione per far fronte alle grandi variazioni di presenze sul territorio dovute al turismo, che potenzia l’attività chirurgica programmata in bassa stagione e la riduce a favore delle urgenze durante i picchi turistici».

«Questo risultato premia gli sforzi compiuti dall’Usl. - sottolinea l’assessore regionale alla Sanità Carlo Marzi - Pur sapendo che le sfide della sanità pubblica sono sempre più numerose e complesse, è fondamentale restituire ai cittadini e agli operatori sanitari anche questi dati che mostrano un segnale positivo e incoraggiante».

Nel 2023 all’Ospedale Parini e al presidio Beauregard di Aosta sono stati eseguiti 15.149 interventi per un totale di 9.815 ore. Nel 2022 gli interventi sono stati 12.202 (7.925 ore) e nel 2019 14.738 (9.738). Nel primo quadrimestre 2024 sono stati effettuati 5.473 interventi contro i 4.891 negli stessi mesi del 2023. La durata media degli interventi è scesa da 40 a 39 minuti.

«Oltre a tradursi in un miglioramento della risposta ai bisogni dei nostri pazienti, - dice il direttore del Dipartimento delle Discipline Chirurgiche Amedeo Manuel Mancini - questo risultato ci gratifica nel nostro impegno quotidiano portato avanti attraverso la collaborazione tra il nostro Dipartimento e quello di Anestesia diretto dal dottor Montagnani».

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Luglio 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031