Legambiente, Bandiera Nera alla strada del Col Ranzola e allo Speed Opening di Cervinia

Pubblicato:
Aggiornato:

Quattro bandiere verdi e due nere per la Valle d'Aosta nell'annuale rapporto di Carovana delle Alpi di Legambiente.

Il primo vessillo nero segno "di un passatismo irremovibile, incapace di riconoscere le valenze ambientali" va ai comuni di Brusson e Gressoney-Saint-Jean e alla Regione Valle d'Aosta "per - si legge nel dossier - il devastante progetto di strada poderale intervalliva attraverso il col Ranzola, in una zona naturale stupenda e fragile"; il secondo nero alla Cervino spa "per il progetto 'Matterhorn Cervino Speed Opening', un'aggressione alla montagna fin sui ghiacciai per ampliare i domaines skiables ai fini di competizioni agonistiche".

A Champdepraz viene attribuita la bandiera verde "per aver intrapreso a partire dal giugno 2023 come primo comune in Valle d'Aosta il percorso per il raggiungimento, entro il 2027, dell'obiettivo 'Rifiuti zero', già avviato in altri 335 comuni italiani, con l'adozione di numerose iniziative virtuose".

Stesso riconoscimento al comune di Courmayeur, per "l'istituzione di un servizio gratuito di navette di collegamento con le valli Veny e Ferret e per la riduzione dell'accesso ai mezzi privati nelle valli".

Bandiera verde anche alla cooperativa sociale Exeat di Donnas "per la riapertura del rifugio Alpe Bonze e le scelte che ne caratterizzano la gestione (valorizzazione di materie prime e prodotti a km zero, inserimento di ragazzi con disabilità cui vengono fornite opportunità di formazione professionale) e gli obiettivi (creazione di occupazione giovanile e rispetto dell'ambiente)". Il quarto e ultimo vessillo che premia il "coraggio della sostenibilità delle avanguardie ostinate" va all'azienda agricola 'Paysage à Manger', nella valle del Lys, capofila del progetto Samstag Märt, "per la tutela e la coltivazione della biodiversità agricola" e "la centralità assegnata ai produttori di cibo anche nei territori alpini e per la costruzione di reti tra produttori di cibo in territori marginali".

Alle quattro bandiere verdi assegnate da Legambiente alla Valle d’Aosta se ne aggiunge una quinta che coinvolge il territorio valdostano. Si tratta del riconoscimento dato al progetto Pasturs, che vede protagonisti la Cooperativa Sociale Eliante Onlus, Coldiretti Bergamo, WWF Italia e WWF Bergamo, il Parco Orobie Bergamasche e il Parco Mont Avic.

Il progetto Pasturs favorisce buone pratiche di allevamento, in cui la coesistenza fra allevatori e grandi predatori è agevolata dall’intervento di giovani volontari selezionati e formati affinché affianchino i pastori durante il periodo di alpeggio in quota, ponendo particolare attenzione alle misure di prevenzione danni: dalla sorveglianza attiva del bestiame alle recinzioni elettrificate ad alto potenziale, dalla gestione dei cani da protezione fino alla sensibilizzazione dei turisti perché assumano comportamenti corretti nelle zone di pascolo.

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Luglio 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031