Dal giornale

Le “stanze degli abbracci” per vincere la solitudine degli anziani nelle strutture del Comune di Aosta

Le “stanze degli abbracci” per vincere la solitudine degli anziani nelle strutture del Comune di Aosta
Dal giornale 02 Gennaio 2021 ore 02:26

Già sperimentata in diverse realtà residenziali italiane nelle ultime settimane, la Giunta comunale di Aosta ha deliberato l’allestimento di una “stanza degli abbracci” in ciascuna delle strutture residenziali per anziani del Comune di Aosta - Bellevue in viale Gran San Bernardo, Casa Famiglia in viale Europa e Polivalente in corso Saint-Martin-de-Corléans - per un investimento massimo di 25 mila euro Iva inclusa.

Le “stanze degli abbracci” sono installazioni costituite da pareti trasparenti munite di apposite maniche, realizzate in materiale adatto alla completa sanificazione, che, pur in regime di assoluta sicurezza in quanto protetti dalla parete di plastica, permettono di restituire agli ospiti delle strutture, sempre più soli e a rischio di depressione a causa delle limitazioni alle visite causate dall’emergenza epidemiologica, il contatto fisico con i propri familiari.

Nelle strutture comunali sono state individuati locali dotati di 2 ingressi totalmente separati che permetteranno l’accesso dall’esterno ai visitatori - previo triage da effettuarsi secondo le prescrizioni del Protocollo regionale disciplinante l’accesso dei familiari alle strutture socio-assistenziali - e dall’interno agli ospiti, evitando qualunque contatto potenzialmente pericoloso.

Qui troverà posto l’installazione per consentire il contatto in sicurezza i cui componenti realizzati in poliuretano trasparente, lavabili e disinfettabili, saranno montati su una parete fissata tramite una cornice ai muri laterali della stanza con funzione di divisorio invalicabile tra lo spazio destinato all’anziano e quello per il visitatore.

Al termine di ogni visita si procederà alla sanificazione completa degli ambienti e di tutti i componenti della parete.

Le stanze degli abbracci, le prime del genere in Valle d’Aosta, vedranno il coinvolgimento dell’Azienda Usl nelle procedure di verifica delle stanze e delle strutture nel loro complesso, oltre che di ogni singola componente, e nella validazione delle procedure di accesso, di utilizzo e di presidio.

«Si tratta di una sperimentazione - commenta l’assessore alle Politiche sociali Clotilde Forcellati - che abbiamo deciso di adottare nella consapevolezza che sia assolutamente necessario restituire agli anziani, ospiti delle strutture residenziali, l’esperienza empatica di un abbraccio o di un gesto affettuoso, quale ponte emotivo fondamentale delle relazioni umane e familiari, ancor più importante in presenza di soggetti fragili, che ne sono stati a lungo necessariamente privati a tutela prioritaria della loro salute».

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Novembre 2022
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930