La Procura ha chiesto al giudice di emettere un decreto di condanna per il sequestro simulato

Pubblicato:
Aggiornato:

La Procura di Aosta ha chiesto al giudice di emettere un decreto penale di condanna per simulazione di reato nei confronti di un ristoratore di Champoluc a Ayas, di 66 anni. L'uomo, la mattina di Natale, aveva simulato un sequestro di persona. Giovedì 29 dicembre stato era stato convocato in qualità di persona informata sui fatti dal sostituto procuratore Manlio D’Ambrosi che coordina l’inchiesta sull’accaduto. Durante l'interrogatorio ha ammesso di essersi inventato tutto ma non ha spiegato il motivo. Il giorno di Natale aveva chiamato i parenti dicendo di essere stato sequestrato da 2 malviventi incappucciati. Preoccupati, i suoi congiunti avevano avvisato i carabinieri. I militari si erano subito attivati con le indagini per le quali si sono avvalsi dell’analisi delle celle telefoniche “agganciate” dal cellulare del 66enne, riuscendo così a ricostruire i suoi spostamenti. L’uomo, che si era allontanato da Ayas dove vive, era stato infine rintracciato in buone condizioni nel pomeriggio di domenica 25 dicembre nel centro di Biella. Il dispositivo di ricerca attivato a seguito dell’ipotetico sequestro di persona aveva coinvolto più comandi dell’Arma dei Carabinieri e 2 diverse Procure della Repubblica.

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Marzo 2024
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031