Dal giornale

La Polizia Postale avverte: «False citazioni in Tribunale, attenti alla truffa con le mail»

Dal giornale 07 Gennaio 2023 ore 21:52

Attenzione alle false citazioni in Tribunale. È l’allerta che arriva dalla Polizia Postale, alle prese con numerose segnalazioni di cittadini che ricevono e-mail con documenti di questo tipo. Le comunicazioni sembrano provenire da Uffici di Polizia e contengono una presunta citazione in Tribunale per gravi violazioni fatte via Internet e legate a molestie su minori. È tutto falso.

«Il documento informa il destinatario della comunicazione di essere indagato per reati di pedopornografia e lo invita a fornire giustificazioni entro 72 ore. - spiega la Polizia Postale - Per evitare di incorrere nelle sanzioni viene proposto il pagamento di una somma di denaro. La Polizia Postale e delle Comunicazioni ricorda che nessuna forza di Polizia, o altra Autorità dello Stato, contatta direttamente i cittadini, tramite e-mail o messaggi, per richiedere pagamenti in denaro con la minaccia di procedimenti penali a suo carico». Una truffa simile era stata segnalata già a settembre e le indagini che avevano permesso di scoprire un giro di illeciti, in circa 2 mesi, di quasi mezzo milione di euro. Si tratta di una truffa, ricorda la Polizia Postale, molto diffusa in Europa, soprattutto in Francia, Austria, Spagna, Belgio e Italia. «La leva principale è la paura che viene trasmessa alla vittima utilizzando moduli con falsi loghi di Forze di Polizia e dei Ministeri dell’Interno e della Difesa italiani, affiancati a quelli di agenzie internazionali quali Europol ed Interpol» precisa ancora la Polizia. In realtà non ci sono né Brigate di Protezione dei Minori né citazioni in Tribunale.

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Febbraio 2023
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728