In Valle d’Aosta poche adesioni all’iniziativa di protesta “Io apro”

Pubblicato:
Aggiornato:

Ha ottenuto poche adesioni nella nostra regione l’iniziativa “Io apro”, nata a livello nazionale coinvolgendo oltre 30mila ristoratori che da ieri, venerdì, avrebbero dovuto aprire ai clienti anche alla sera, contravvenendo consapevolmente alle regole del Dpcm in vigore pur autoregolandosi con un cosiddetto “Dpcm autonomo” che prevede supporto legale ad attività e clienti in caso di sanzioni, conti al tavolo alle 21.45, gel, mascherine e distanziamento. In base alle indiscrezioni che circolavano sui social, nella nostra regione avrebbero dovuto aderire in 9 coordinati da Manuel Pagan, titolare del Ristorante La Locanda di Donnas e già autore di un’analoga protesta. Dall’iniziativa “Io apro” si è dissociata la Confcommercio-Fipe.

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Marzo 2024
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031