Dal giornale

Il montepremi del Superenalotto ha sfondato il tetto dei 300 milioni di euro: «Chi vince deve fare anche beneficenza»

Il montepremi del Superenalotto ha sfondato il tetto dei 300 milioni di euro: «Chi vince deve fare anche beneficenza»
Dal giornale 12 Novembre 2022 ore 23:18

Il monte premi del Supernalotto è il più alto di sempre dato che supera i 300 milioni di euro. Ma cosa fare nel caso di vincita di una somma simile?

Stefano Gobbi: «Di solito non gioco perché penso che siano soldi buttati via. Tuttavia se vincessi 300 milioni di euro ne devolverei una parte alla Regione per il restauro di alcune strutture e alle associazioni di volontariato che assistono i bambini in condizione di estrema povertà».

Giorgio Corniolo: «Se vincessi una simile cifra ne investirei una parte e l’altra la darei in beneficenza per migliorare il centro di Aosta, dato che dopo il disastro economico provocato dalla pandemia di Covid e dalla guerra in Ucraina i fondi pubblici scarseggiano. Inoltre devolverei dei soldi alle persone bisognose».

Lorenzo Dherin: «Gioco saltuariamente solo piccole cifre, perché come tutti spero prima o poi di avere un colpo di fortuna. Se vincessi l’incredibile somma di 300 milioni di euro aiuterei tutti i membri della mia famiglia. Poi farei beneficenza sia ai centri di ricerca per malattie gravi e a tutti coloro che vivono un periodo difficile. In Italia abbiamo molti poveri e la Caritas ha sempre meno risorsi per assicurare pasti caldi e un rifugio ai senzatetto, soprattutto ora che è in arrivo il freddo».

Giuseppe Raffa: «Ogni tanto gioco piccole cifre nella speranze che la dea bendata si accorga di me. Il jackpot attuale è spropositato oltre 300 milioni di euro: non basterebbe una vita per spenderli tutti. Comprerei delle ville e automobili lussuose, tanto per togliermi alcuni sfizi a livello personale. Inoltre sarei molto generoso con la famiglia e gli amici, senza dimenticare dei poveri bisognosi e dei bambini e dei profughi in fuga dalla guerra».

Carole Turru: «Se vincessi una cifra così elevata innanzitutto penserei ai miei genitori che hanno fatto molto per me. Poi ne metterei una parte in banca. Inoltre aiuterei parenti e amici, nonché i bambini malati e le associazioni di volontariato che operano nel Terzo Mondo dove ogni anno muoiono di fame centina di migliaia di persone».

Giorgio Corniolo
Giuseppe Raffa
Lorenzo Dherin
Carole Turru

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Dicembre 2022
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031