Dal giornale

Il mondo del basket è pieno di dubbi Incognite sulla ripartenza e sugli impianti

Dal giornale 09 Gennaio 2021 ore 06:54

Il mondo del basket valdostano si interroga sul futuro. Le ultime indiscrezioni trapelate da fonti vicine alla Fip lascerebbero a sole 2 squadre rossonere la possibilità di cominciare la propria attività: si tratta dell’Under 14 Elite maschile dell’Eteila e l’Under 16 femminile del Monte Emilius Uisp, che sono iscritte a dei tornei che la Federazione nazionale avrebbe recentemente integrato nella lista delle categorie di “Interesse nazionale”.

Serie D, appuntamento a settembre?

Secondo quanto riportato nei giorni scorsi da alcuni siti specializzati, il Coni avrebbe autorizzato la Fip a inserire far giocare anche durante la pandemia i campionati di serie C Gold e Silver, il torneo di B femminile e tutta l’attività giovanile che preveda una fase finale nazionale, ovvero Under 20, Under 18, Under 16 e Under 15 Eccellenza e Under 14 Elite per quanto concerne i maschi e Under 18, Under 16, Under 15 e Under 14 Elite per il settore femminile. “Aspettiamo di sapere con certezza cosa succederà - commenta la presidente dell’Eteila Stella Lippolis - perché le voci “non confermate” si rincorrono da troppo tempo. Certo, se la situazione fosse questa il basket valdostano sarebbe fortemente penalizzato. Resta da capire, poi, se queste 2 squadre potranno fare i campionati, visto che al momento la disponibilità degli impianti è tutta da verificare”.

Come se non bastasse, i lavori di rifacimento del parquet del palaMiozzi iniziati a dicembre e quelli di manutenzione della palestra di via Volontari del Sangue - che partiranno lunedì 18 gennaio - potrebbero condizionare non poco la ripartenza dei team. Secondo le indiscrezioni, da venerdì prossimo 15 gennaio le squadre che parteciperanno ai tornei autorizzati potranno iniziare ad allenarsi a prescindere dal colore della propria regione. In Valle d’Aosta potrebbe non succedere, considerando che il basket - al momento - è senza palestre. “Speriamo che il Comune di Aosta trovi una soluzione. Siamo stati fermi tutto l’autunno, i lavori si potevano calendarizzare in quel momento. Invece ce li troviamo adesso, quando potremmo tornare in campo. Sono allibita”, conclude Stella Lippolis.

Raffaele Romano, storico dirigente del Monte Emilius Uisp, conferma che la sua Under 14 potrebbe ripartire. “Mi preoccupa più il resto, lo stop agli altri campionati potrebbe essere un colpo difficile da assorbire per il mondo della pallacanestro della nostra regione”.

Le paure di Raffaele Romano sono condivise da Umberto Colombini, vice presidente dell’Eteila. “Capisco che la Federazione abbia bisogno di fare cassa con le tasse gara di altri tornei, quello che non capisco è perché dare il via libera alla C Silver e non alla serie D, campionati che sono assolutamente simili. La prima squadra dell’Eteila dovrebbe saltare una stagione, è un problema. Sono però più preoccupato per i ragazzi, perché ripartire dopo un anno di stop non sarà semplice. Senza dimenticare tutta l’attività legata al minibasket e alla propaganda: il perpetuarsi della chiusura rischia di cancellare i tanti sacrifici fatti in oltre dieci anni di lavoro”.

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Novembre 2022
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930