Dal giornale

I valdostani trascinano l’Italia al successo nel team event dell’AlpeCimbra Children Cup

I valdostani trascinano l’Italia al successo nel team event dell’AlpeCimbra Children Cup
Dal giornale 30 Gennaio 2021 ore 00:48

E’ stata un’Italia decisamente a tinte rossonere quella che mercoledì scorso, 27 gennaio, si è imposta per la prima volta nella storia nel team event dell’AlpeCimbra Fis Children Cup, la gara a squadre che ha aperto la fase internazionale dell’ex Trofeo Topolino. A Folgaria il quartetto composto da Giorgia Collomb del La Thuile Rutor, Francine Rollet del Chamolé, Federico Viérin del Pila e dal cortinese Edoardo Baldo si è imposto nella finale contro la Germania: i più veloci in qualificazioni, gli azzurri hanno dovuto ricorrere al cronometro anche al termine dell’ultimo atto del parallelo, visto che i 4 duelli erano terminati in parità. Giorgia Collomb ha avuto la meglio su Hannan Thalmeier così come Federico Vierin su Simon Widmesser: sotto 2-0 la Germania ha pareggiato i conti con i successi di Antonia Reischl su Francine Rollet e di Felix Rosle su Edoardo Baldo, vittima di una caduta. Come da regolamento Fis, a decidere le sorti della sfida è stato il cronometro: l’Italia - grazie alla somma delle migliori prestazione maschile e femminile della finale - ha fatto sua la vittoria.

Due seconde piazze

nell’internazionale

L’AlpeCimbra Children Cup termina oggi, sabato 30 gennaio, con lo slalom gigante, seconda gara individuale della fase internazionale iniziata mercoledì con il team event. Ieri, venerdì 29, nello slalom gli atleti dell’Asiva hanno confermato il loro ottimo momento: sono infatti arrivati i secondi posti per Giorgia Collomb e Francine Rollet, ai quali si sommano le ottime prestazioni di Tatum Bieler e Francine Rollet. Al femminile la Collomb, come già nella fase nazionale, ha dovuto arrendersi all’inarrivabile Lara Colturi, prima in 1’24”51 con oltre un secondo sulla ragazza di La Thuile (1’25”79). Terza la lussemburghese Gwyneth Ten Taa (1’28”08). Al quinto posto, a soli 16 centesimi dal podio, Tatum Bieler (Gressoney, 1’28”24) e 11esima Francine Rollet (1’29”71). Al maschile primo il polacco Jan Lodzinski (1’23”75) che precede di 34 centesimi Federico Viérin (1’24”09), con terzo Edoardo Baldo (1’24”13).

Giorgia Collomb

abbonata all’argento

Negli Allievi le cose erano andate bene fin da subito, per la Valle d’Aosta. Al femminile Giorgia Collomb, sia in gigante che in slalom, è finita sul podio, battuta solo da Laura Colturi. Martedì 26 in gigante la Colturi, seconda con 27 centesimi di ritardo dopo la prima manche, ha ribaltato la gara e vinto in 1’33”14 davanti alla Collomb (1’33”85) e a Francine Rollet (1’34”11). Settima Aline Gérard (Aosta, 1’36”05), 17esima Tatum Bieler (Gressoney, 1’37”11). Nello slalom del giorno prima, lunedì 25, la Colturi si era imposta per soli 9 centesimi sulla Collomb: 1’25”90 il tempo della valsusina, 1’25”99 quello della ragazza di La Thuile, che nella seconda parte di gara non è riuscita a recuperare tutti i 6/10 di ritardo accumulati nella prima. Terza Martina Sanin (1’27”11) e quarta a 24 centesimi dal podio Tatum Bieler (1’27”35): poi sesta con il miglior tempo nella seconda manche Aline Gérard (1’27”61) e nona Francine Rollet (1’28”20).

Al maschile lunedì in slalom l’Asiva aveva festeggiato un altro secondo posto, quello di Federico Viérin, che in 1’20”95 chiudeva alle spalle dell’altoatesino Jakob Franzelin (1’19”64): nono Ilia Kostadinov Kostov (Aosta, 1’22”58), 15esimo Pablo Nicolas Russi (Crammont, 1’23”41). Nel gigante di martedì, dopo il secondo posto al termine della prima manche, scivolava al quinto posto Federico Viérin (1’34”23), a soli 29/100 dal podio. In cima alla classifica ancora l’altoatesino Jakob Franzelin (1’32”66): in 11esima posizione Matteo Vaglio (Crammont, 1’34”71), 17esimo Emanuele Frau (Aosta, 1’35”07).

Ragazzi, sesti in slalom

Anais Lustrissy

e Ludovico Rosaschino

I migliori risultati nei Ragazzi sono arrivati martedì dallo slalom. Nessun podio, ma 2 probanti sesti posti per Anais Lustrissy e Ludovico Rosaschino. Al femminile la Lustrissy del Crammon, in 1’30”86, ha pagato un po’ più di un secondo di ritardo dal podio: prima l’altoatesina Nadine Trocker (1’27”34): 15esima Clara Parma (Courmayeur, 1’30”86) e 20esima Eleonora Samà Sacchi (Club de Ski, 1’32”20). Al maschile primo l’altro atesino David Castlunger (1’22”72): sesto Ludovico Rosaschino (La Thuile Rutor, 1’25”17), decimo André Bieller (Crammont, 1’26”48) e 22esimo Samuel Bal (Crammont, 1’28”09).

Nel gigante su manche unica del giorno prima era stato settimo Riccardo Parini dell’Aosta nella gara vinta dal pisano Andrea Passino (46”46): Parini è arrivato al traguardo in 48”96. 21esimo Samuel Bal (50”35), 32esimo Edoardo Sisto Besozzi (Courmayeur, 51”16), 52esimo Vittorio Santoro (Val d’Ayas, 52”00), 58esimo André Bieller (52”34), 63esimo Matteo Marcoz (Pila, 52”58) e 76esimo Ludovico Rosaschino (53”63). Al femminile altro primo per Nadine Trocker (48”16): 30esima Matilde Marino (Crammont, 53”03), 35esima Eleonora Samà Sacchi (53”74), 42esima Carlotta Bajetto (La Thuile Rutor, 54”40), 44esima Anaïs Lustrissy (54”87), 53esimo Clara Parma (55”74) e 63esima Annie Revil (Val d’Ayas, 57”43).

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Novembre 2022
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930