Hans Nicolussi Caviglia in trionfo con la Juve nella vittoria della Coppa Italia

Hans Nicolussi Caviglia in trionfo con la Juve nella vittoria della Coppa Italia
Pubblicato:
Aggiornato:

Era molta l’attesa sulla finale di Coppa Italia - mercoledì scorso, 15 maggio - tra Juventus e Atalanta, poi vinta dai bianconeri. Da parte di Max Allegri vi era la necessità di capire chi potesse sostituire in cabina di regia Manuel Locatelli, squalificato. A sorpresa il livornese ha cambiato le carte in tavola: no a Miretti dal primo minuto, sì a Hans Nicolussi Caviglia.

La scelta del mister ha suscitato stupore. Prima della finale Nicolussi Caviglia aveva collezionato appena 283 minuti di gioco e solo in 3 occasioni era partito dal primo minuto. Il tecnico aveva bisogno di un vero regista e l’ha individuato nel centrocampista classe 2000 originario di Valsavarenche: Hans Nicolussi Caviglia si è posizionato tra le mezzali Cambiaso e Rabiot e ha fornito un'ottima prestazione, durata 62 minuti. E’ rimasto più ancorato alla propria zona, agendo come schermo davanti alla difesa. Non ha giocato molti palloni in avanti (6), ma non era quello il suo primo compito, affidato piuttosto a Rabiot e Cambiaso. Il suo è stato un lavoro più di interdizione. Tra i centrocampisti bianconeri è quello che ha recuperato più palloni: 7.

«Nicolussi Caviglia? E' un ragazzo intelligente, l'ho usato poco, avrei potuto impiegarlo di più», così Max Allegri nelle interviste del post partita. Hans Nicolussi Caviglia ha parlato così ai canali ufficiali dopo la vittoria di mercoledì: «Emozione grandissima, questa maglia quando la indosso è un privilegio e un onore. Vincere una coppa è un sogno che ho da quando gioco nei Pulcini. Mentalmente l'ho preparata bene, non è facile quando non giochi per qualche mese. Quando mi alleno lo faccio sempre bene, rispetto il DNA bianconero e lo metto in campo.

Un po' mi sono immaginato le finali dei tornei da piccoli, rivivendo quelle emozioni. Sollevare una coppa con la Juve è speciale. La dedica è alla mia famiglia che mi ha sempre sostenuto nei momenti difficili e agli allenatori dei settori giovanili come Milani e Grabbi, che fanno crescere i ragazzi in modo eccellente».

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Luglio 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031