Dal giornale

Foto significative e citazioni d'autore: la nuova «invenzione» del professore Salvatore Cosentino alle medie “Martinet”

Foto significative e citazioni d'autore: la nuova «invenzione» del professore Salvatore Cosentino alle medie “Martinet”
Dal giornale 24 Aprile 2021 ore 07:55

Memorabili sono le sue pareti colorate, poi sono state inaugurate le porte personalizzate e, ancora, i lavori artistici realizzati con mille tecniche diverse. Salvatore Cosentino ora lascia ancora una volta il segno nella «sua» scuola, l'istituzione scolastica Eugenia Martinet di Aosta, una delle medie che hanno anche l'indirizzo musicale, a due passi dall'area megalitica di Saint-Martin-de-Corléans. «Qui ho studiato e qui insegno arte e immagine dal 1992» racconta Salvatore Cosentino, che fra pochi mesi andrà in pensione, concludendo una quarantennale carriera di insegnante che, dopo il diploma all’Accademia di belle arti di Firenze, l'ha portato all’Istituto d’Arte di Aosta dal 1981 al 1983 e nelle medie inferiori dal 1984, oltre che nei corsi e laboratori grafici in cui, in particolare, ha trasmesso la tecnica dell'aerografo.

«Avevo in mente di realizzare pannelli con foto significative e citazioni d'autore. - riferisce - Ora, grazie anche all'efficienza del nuovo dirigente scolastico Federico Marchetti, è stato possibile fare questo regalo alla scuola».

La sorpresa si è materializzata durante le vacanze di Pasqua: «Vuole essere un piccolo gesto per distrarsi dalle preoccupazioni del momento. - aggiunge il dirigente - Ci piaceva l'idea che al rientro chi frequenta la scuola trovasse un ambiente colorato: la scuola deve essere bella, stimolante, un ambiente che ispira. Frasi sui pannelli devono essere un motivo di crescita per ragazzi e docenti». Per rispettare la struttura della scuola, per cui ci si è avvalsi della consulenza degli elettricisti del Comune, e per mantenere visibili le comunicazioni sulla sicurezza, i pannelli sono stati ridimensionati rispetto al progetto iniziale, però restano comunque d'impatto, negli atri e nei corridoi: le cento foto, stampate sui due lati del supporto appeso al soffitto, sono distribuite in trentacinque pannelli nella scuola secondaria di primo grado e quindici nella primaria.

«All'inizio volevamo coinvolgere i ragazzi nel suggerire i personaggi da citare e rappresentare. - continua Salvatore Cosentino - Ma non è stato possibile e ora, cogliendo l'occasione, abbiamo ripensato anche l'installazione: devo ringraziare per l'aiuto mia moglie Giuseppina Bazzini. Il mio incarico, come referente nominato dal collegio docenti, consiste nell'occuparmi di rendere accoglienti gli ambienti di apprendimento e, ormai da una ventina d'anni, nel corso delle attività extracurricolari lavoriamo con i ragazzi per rendere più accogliente la scuola, per sviluppare abilità nel campo artistico e coinvolgere i ragazzi a livello artistico». Albert Einstein, Martin Luther King, Michelangelo Buonarroti, ma anche Margareth Mead, Ernest Hemingway, Peppino Impastato o Malala Yousafzai lasciano il loro messaggio ai ragazzi della scuola: «Durante gli intervalli - confida il professore - li vedo con il naso all'insù e qualcuno si trascrive le citazioni».

«Rientra nel nostro Piano di miglioramento anche il continuo rinnovo e il dinamismo degli ambienti. - aggiunge il dirigente scolastico Federico Marchetti - La scuola sta investendo sul ripensamento degli ambienti di apprendimento per adeguarlo alle esigenze degli studenti.

Ora diverse classi stanno seguendo le lezioni a distanza, però la reazione dei ragazzi delle prime è già positiva, tutti sono molto contenti. La nostra idea, nel tempo, è di far diventare la scuola un centro culturale di riferimento del territorio: ci piaceva l'idea di rendere vari gli ambienti della scuola e incuriosire l'utenza esterna, ogni angolo ha una sua caratteristica. Cerchiamo di potenziare l'offerta extra curricolare nel pomeriggio, anche se quest'anno abbiamo parecchi limiti. Sono stati conservati i progetti "Non si butta via niente, tutto diventa arte", in cui si realizzano maschere con materiale di riciclo; i gruppi sportivi con l'atletica al campo sportivo; il "Bull cyber club" su tematiche contro il bullismo. A maggio iniziamo "Hitler e Voldemort", per ragionare sulle somiglianze fra il personaggio storico e quello del romanzo fantasy». Continuano pure il potenziamento di francese, i laboratori scientifici anche per infanzia e primaria e i corsi di formazioni per i docenti, che in certi casi sono aperti ai genitori e agli studenti. Tutti gli aggiornamenti sono sul sito ufficiale eugeniamartinet.it.

In edicola
Prima pagina
Archivio notizie
Maggio: 2022
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
Abbonamento Digitale La Valléè