“Desplazados en Colombia” con il fotografo Giorgio Palmera e l’antropologo Gino Bianchi

Pubblicato:
Aggiornato:

Nell’ambito della rassegna BiblioRencontres-Cose dell’altro mondo, venerdì prossimo, 12 aprile, alle 20.30, la Biblioteca regionale “Bruno Salvadori” di Aosta ospiterà la conferenza Desplazados en Colombia, con la partecipazione del fotografo Giorgio Palmera e dell’antropologo Gino Bianchi.

BiblioRencontres-Cose dell’altro mondo, è il titolo della rassegna 2024 che, attraverso una serie di approfondimenti, si propone di ampliare gli usuali punti di vista, affrontando temi poco conosciuti nel campo di bellezze e culture lontane, di esplorazioni del sottosuolo, di ricerche archeologiche e scientifiche, oltre a studi di particolare interesse antropologico e sociale

La conferenza Desplazados en Colombia, secondo appuntamento della rassegna, prende il titolo dalla mostra fotografica realizzata nel 2016, per documentare e denunciare la drammatica situazione in cui vivono tuttora milioni di colombiani. I desplazados ritratti da Palmera sono rifugiati interni: persone che sono state costrette a fuggire dalle loro case, abbandonando le proprie terre e i loro averi, ma che sono rimaste dentro i confini del proprio Paese. All’origine del conflitto c’è la terra: terra da coltivare per i contadini, terra da pascolo per i grandi latifondisti, terra da controllare per i guerriglieri e i narcotrafficanti. I profughi non abbandonano le loro terre e le case al primo passaggio di truppe, la speranza è sempre che gli uomini armati se ne vadano presto. I villaggi non subiscono bombardamenti, non vengono rasi al suolo: è un processo lento, frutto di una pressione psicologica, che ad un certo punto diventa intollerabile, rendendo la paura ingestibile.

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Luglio 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031