Dal giornale

«Da anni i politici sottovalutano le conseguenze dei campi elettromagnetici»

Dal giornale 09 Gennaio 2021 ore 05:29

La nostra vicenda ormai la conoscono tutti e risale a molti anni fa ma benché ai vertici politici le persone cambino la situazione rimane inalterata. Alcuni movimenti politici e partiti lavorano per distruggere la democrazia. E’ possibile che non capiscano che l’unico modo per riportarla in Valle d’Aosta è quello di scindere il ruolo di Prefetto da quello di Presidente della Regione? Noi ne siamo l’esempio lampante. Firmare le delibere per costruire e poi firmare gli espropri è un’assurdità. Chi controlla la situazione? Si potrebbe finire in un sistema dittatoriale senza precedenti. Noi riteniamo che la politica valdostana sia degna di Attila. I politici hanno lasciato costruire un elettrodotto ad alta tensione su vestige storiche napoleoniche del 1792 e su un vincolo paesaggistico del Forte di Bard. Hanno così racchiuso la nostra casa in mezzo a due flussi magnetici di due elettrodotti ad alta tensione. Era emerso da subito che la progettazione era sbagliata ma non siamo riusciti a far ragionare i rappresentanti delle istituzioni. Abbiamo inviato lettere protocollate ai vari Presidenti regionali e Dirigenti Terna per avere un incontro e un dialogo costruttivo ma non abbiamo avuto risposte. Eppure, dopo pochi mesi dall’attivazione del nuovo elettrodotto, abbiamo iniziato ad avere problemi di salute. Respirando l’aria elettrica, con la caduta di tensione, soprattutto nei periodi con molta umidità, la respirazione si faceva affannosa, con fitte al cuore e bruciore agli occhi. Era il nostro corpo a consigliarci di andarcene da quel luogo, consiglio avvalorato da un medico. In seguito, altri tre specialisti ci dichiararono ipersensibili alle onde elettromagnetiche. Già nel 1994 la Commissione europea consigliava di non costruire elettrodotti vicino alle case per evitare possibili danni alla salute. Abbiamo partecipato a convegni, sentito medici e ricercatori: tutti hanno confermato che le onde elettromagnetiche e le frequenze di oscillazione elettrica indeboliscono il sistema immunitario. Possediamo un’ampia documentazione nazionale e internazionale in merito al problema: tutti i documenti scientifici asseriscono che il corpo umano può essere influenzato da correnti non desiderate mandando in tilt, a medio e lungo termine, il suo delicato sistema elettrico. Noi, come famiglia, abbiamo avuto danni morali ed economici. Secondo un agente immobiliare una casa in mezzo a due elettrodotti vale meno del materiale di costruzione e lo sanno nelle altre regioni dove, da decenni, i cavi degli elettrodotti vengono interrati. Conclusione: i nostri avi asserivano che è meglio una sconfitta pulita che una vittoria sporca. Ma quante vittorie sporche collezionano i nostri politici?

Renzo Praduroux

e Rosemary Cout

In edicola
Prima pagina
Archivio notizie
Maggio: 2022
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
Abbonamento Digitale La Valléè