Champdepraz è il primo Comune valdostano ad aderire alla rete nazionale Rifiuti Zero

Champdepraz è il primo Comune valdostano ad aderire alla rete nazionale Rifiuti Zero
Pubblicato:
Aggiornato:

Champdepraz è il primo Comune valdostano ad aderire alla rete nazionale Rifiuti Zero. La notizia è stata rivelata dall'associazione Valle d'Aosta Virtuosa. L'obiettivo della rete è di azzerare i rifiuti e di conseguenza chiudere le discariche e gli inceneritori, il tutto mettendo in atto le buone pratiche dell'economia circolare.

«Siamo molto orgogliosi che un piccolo Comune di poco più di 700 abitanti abbia aderito. - spiega la vicepresidente di Valle d'Aosta Virtuosa Jeanne Cheillon - Questo è il primo passo concreto verso una reale transizione ecologica. Aderire a questa rete, di cui fanno parte 335 Comuni italiani, vuol dire portare avanti la politica dei rifiuti zero. Quella che sembrava un’utopia, un obiettivo irraggiungibile, nell’arco di meno di 20 anni sta diventando una vera e propria rivoluzione ecologica. Recepire questo protocollo vuol dire perseguire un obiettivo, non una meta ma un cammino che cerca di raggiungere gli obiettivi della strategia, rinunciando nel tempo alle discariche e agli inceneritori. Significa adottare tutte quelle buone pratiche per rinunciare a un’economia di tipo lineare e abbracciare un’economia circolare incentrata sulla riduzione della produzione di rifiuti».

«La nostra Amministrazione da sempre è impegnata verso la sostenibilità e per questo da anni ha puntato sul porta a porta per la raccolta differenziata, sulle casette dell'acqua per disincentivare le bottiglie di plastica, sulle merende sane a scuola e aderisce tutti gli anni alla giornata la giornata Puliamo il Mondo di Legambiente - dichiara la vicesindaca di Champdepraz Lucia Bertorello - E poi ancora sul compostaggio privato, ma ora il nostro prossimo obiettivo è quello del compostaggio di comunità: non è una cosa semplice e la prima cosa che faremo sarà chiedere con un’assemblea ai cittadini se sono interessati a portare la loro parte umida in un posto determinato».

Inoltre a Champdepraz sono stati installati pannelli solari sull’edificio scolastico e si vuole a breve sostituire la cucina a gas con una a induzione. Anche l’auto comunale è stata sostituita con una veicolo plug-in e sta per partire il progetto di una tettoia fotovoltaica. Tra i vari progetti vi sono anche 8 alloggi ex Arer da rimettere a nuovo su cui sarà effettuato uno studio di fattibilità per il riuso dell’edificio. La parte più importante però rimane la sensibilizzazione del consumatore. Il comune di Champdepraz si impegna molto a mantenere il trend della raccolta differenziata e a fare informazione, anche con i turisti.

Tra le sfide che si è data Valle d'Aosta Virtuosa c'è quella di diventare la prima regione italiana a Rifiuti Zero.

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Luglio 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031