Dal giornale

Calcio a cinque, due pareggi agrodolci per l’Aosta nei recuperi del torneo di A2 a Merano e a Mestre

Dal giornale 02 Gennaio 2021 ore 11:59

Due punti in poco più 24 ore e tanti rimpianti. L’Aosta 511 torna dal mini tour de force nel nord est con 2 pareggi in altrettante partite che non smuovono in maniera significativa la classifica anche se, sulla carta, sono 2 punti che possono essere considerati preziosi essendo arrivati in trasferta.

I recuperi delle partite contro Bubi Merano di domenica 27 dicembre (match della settima giornata del campionato di calcio a cinque di serie A2) e Città di Mestre di lunedì 28 (terzo turno) avrebbero potuto regalare qualcosa di più ai ragazzi di Rodrigo Rosa, che in entrambe le occasioni hanno sfiorato il colpo grosso salvo poi farsi recuperare sul più bello.

A Merano è successo 2 volte, e la seconda è chiaramente quella che brucia di più. Passati in vantaggio attorno all’11’ con Monteiro i gialloblù sono stati ripresi 5 minuti dopo da Rafinha. A 6 secondi dal termine del primo tempo Da Silva, atterrato in area, ha trasformato il rigore che avrebbe potuto mandare i suoi al riposo in vantaggio di un gol, un’arma in più soprattutto per il morale in vista del rientro in campo. Così non è stato: c’è stato appena il tempo per battere dal dischetto di centrocampo e Caverzan, sulla sirena, ha segnato il 2-2 che non cambierà più nel corso della ripresa.

Secondi finali cari anche l’indomani sul campo del Città di Mestre, con una partita emozionante soprattutto nel secondo tempo. A passare in vantaggio era, ancora una volta, l’Aosta con Mascherona al 15’ del primo tempo. I padroni di casa uscivano dagli spogliatoi molto motivati e trovavano il pareggio dopo 24 secondi con Crescenzo per poi portarsi in vantaggio 7 minuti dopo con Mazzon. A rimettere il risultato in parità ci pensava Zlourhi dopo un minuto, ma ancora Crescenzo spingeva avanti gli arancioneri al 13’. Il finale era scoppiettante: Monteiro su tiro libero trovava il pareggio a due minuti dal termine e Da Silva al 19’10” illudeva l’Aosta di trovare la prima vittoria in trasferta. Era ancora Crescenzo, autore di una tripletta, a firmare la rimonta a 30 secondi dal termine. Un risultato che lascia l’amaro in bocca, soprattutto considerando che la formazione veneziana sarà fino alla fine del campionato una delle avversarie dirette dei gialloblù nella corsa per evitare la retrocessione.

Dopo le 2 partite in 2 giorni l’Aosta 511 può godersi qualche giorno di riposo, anche se la classifica - ancora difficile da leggere, vista l’enormità di recuperi ancora da disputare - non lascia certamente tranquillo il clan del presidente Gianluca Fea. Sabato prossimo, 9 gennaio, i ragazzi di Rodrigo Rosa saranno ancora impegnati in trasferta, questa volta sul campo del Milano: fischio d’inizio alle 15.30.

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Novembre 2022
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930