Dal giornale

Birra, vendite in aumento nei supermercati

Birra, vendite in aumento nei supermercati
Dal giornale 13 Marzo 2021 ore 09:33

Gli effetti della pandemia si sono fatti sentire sui conti della Heineken, multinazionale olandese della birra presente in Valle d’Aosta con uno stabilimento a Pollein, tanto che l'azienda aveva dato il via nei mesi scorsi ad una profonda ristrutturazione per ridurre i costi del personale, annunciando un centinaio di esuberi per gli stabilimenti italiani, nove dei quali in Valle d’Aosta.

«Il piano di riorganizzazione che è partito lo scorso anno - spiega Edy Paganin, segretario regionale del Savt Industrie - non ha portato ad una situazione negativa a Pollein nel senso che parte di questo personale dichiarato in esubero è uscito in modo naturale con alcune persone che raggiungeranno la pensione a marzo, mentre altre hanno accettato il piano contemplato nell'accordo generale ed è quindi una uscita indolore. Non si è raggiunto ancora il numero di nove unità come annunciato però la trattativa potrebbe prevedere alla fine di marzo la chiusura degli esuberi anche con un numero inferiore».

A livello occupazionale al momento non vi sono grandi preoccupazioni per lo stabilimento di Pollein che conta attualmente novantacinque dipendenti però «Se questa situazione dovesse perdurare ancora per un paio di anni - segnala Paolo Schiavon, rappresentante sindacale unitario dell'azienda - anche Heineken che è una multinazionale con le spalle larghe inizierebbe a scricchiolare. Lo stabilimento di Pollein ancora una volta ha dato prova di flessibilità cercando di andare incontro all'azienda con la quale per altro i rapporti sindacali sono sempre stati buoni. Per quello che riguarda la cassa integrazione per il momento siamo fermi, tutto il personale sta lavorando. L’azienda sta pagando la situazione che si è venuta a creare con l’espandersi dell’epidemia denunciando una perdita di fatturato del quaranta per cento nel canale Ho.Re.Ca» acronimo di Hotellerie, Restaurant, Catering, «Vista la perdurante e prolungata chiusura di pub, bar e ristoranti che rappresentano un’importante fetta di mercato dell’azienda stessa mentre per quanto riguarda la grande distribuzione, e quindi supermercati e ipermercati, il fatturato è cresciuto di circa il quindici per cento favorito da un consumo più casalingo dei nostri prodotti. Però i grandi numeri si fanno nei bar e ristoranti e non a casa. Per quello che riguarda la produzione a Pollein siamo ripartiti anche se un pochino a singhiozzo con gli spillatori da otto litri utilizzati principalmente dai chioschetti, mentre la linea dei fusti da venti litri, più adatti a bar e ristoranti, è praticamente ferma. “Tengono botta” infine le lattine, compresi i piccoli fusti da due litri adatti per un consumo casalingo».

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Giugno: 2022
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930