Dal giornale

Bancarotta fraudolenta, condannato a 4 anni e 6 mesi Federico Jacquin

Bancarotta fraudolenta, condannato a 4 anni e 6 mesi Federico Jacquin
Dal giornale 30 Gennaio 2021 ore 20:32

Il Tribunale di Aosta ha condannato mercoledì scorso, 27 gennaio, a 4 anni e 6 mesi di reclusione Federico Jacquin, 71 anni, ex presidente della Sezione edile di Confindustria Valle d'Aosta. Era imputato per bancarotta fraudolenta in relazione al fallimento della Jacquin Costruzioni, dichiarato nel settembre 2017. Il passivo accumulato dalla Jacquin Costruzioni ha raggiunto, ad oggi, quota 8 milioni di euro. Per i vari episodi emersi dall’inchiesta, il pm Luca Ceccanti aveva chiesto al Tribunale di condannare l’imputato ad una pena di 5 anni di carcere. Federico Jacquin è anche stato dichiarato interdetto dai pubblici uffici per 5 anni, nonché inabilitato, per lo stesso periodo, ad esercitare imprese commerciali. Secondo l'accusa Federico Jacquin ha arrecato pregiudizio ai creditori dell’impresa - che aveva manifestato i primi segni di crisi nel 2014 -, attraverso una serie di operazioni a favore di altre società ad egli stesso riconducibili, realizzando così movimenti infragruppo non consentiti ma non distrazioni a fini personali. Le indagini erano state avviate dalla situazione rilevata dal curatore fallimentare Ivano Pagliero al momento del crack.

Tra le movimentazioni contestate in quanto ritenute “sospette” risultano, tra l’altro, la mancata fatturazione di lavori eseguiti dall’azienda - allo scopo, sostiene la Procurai, di occultare l’appropriazione della relativa somma da parte del titolare -, la prestazione di garanzie prive di ogni giustificazione a favore di altre società amministrate dell’imprenditore, oltre alla rinuncia a crediti e ad operazioni immobiliari definite di “pura sorte”, perché manifestamente imprudenti, o comunque prive di giustificazione nella conduzione dell’impresa.

Il Tribunale, con il presidente Eugenio Gramola e i giudici a latere Luca Fadda e Maurizio D'Abrusco, ha inoltre disposto un risarcimento di 3 milioni e 385mila euro a favore della procedura fallimentare, cifra corrispondente alla richiesta economica dell’avvocato di parte civile Corrado Bellora.

In edicola
Prima pagina
Archivio notizie
Maggio: 2022
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
Abbonamento Digitale La Valléè