Dal giornale

Assolto un medico ospedaliero accusato di aver violato gli obblighi di isolamento

Dal giornale 30 Gennaio 2021 ore 03:15

Il giudice monocratico del Tribunale di Aosta Maurizio D'Abrusco ha assolto giovedì scorso, 28 gennaio, “perché il fatto non sussiste” un medico ospedaliero che era accusato di aver violato gli obblighi di isolamento per le persone positive al Coronavirus (previsti dal decreto legge 19 del 25 marzo 2020). La Procura aveva chiesto una condanna a 2 mesi di reclusione. I fatti risalgono al periodo tra il marzo e l'aprile del 2020, nel pieno della prima ondata di Covid-19. Completamente asintomatico, il sanitario era risultato positivo al Coronavirus. Un secondo tampone, il 6 aprile, aveva fatto emergere una debole positività. Il suo medico di medicina di generale gli aveva quindi detto di sottoporsi a un nuovo test 72 ore dopo. Quel tampone però, destinato a una laboratorio di analisi fuori regione, era stato perso. Così il suo primario gli aveva suggerito di arrivare in auto fino alla tenda fuori dall’Ospedale regionale “Umberto Parini” di Aosta, senza avere contatti con altre persone, per sottoporsi a un nuovo esame, che era poi risultato negativo. Lì però un carabiniere lo aveva controllato e denunciato per aver violato l'isolamento. Il medico era poi rientrato al lavoro il giorno di Pasquetta. La difesa, rappresentata dall'avvocato Corrado Bellora, ha evidenziato come il medico imputato, al momento del controllo, fosse negativo per forza dato che dopo 9 giorni di asintomaticità - in quella situazione ne erano trascorsi 13 - non ci sono in letteratura casi di virus ancora attivo. Inoltre, con le più recenti disposizioni, il medico oggi non avrebbe commesso un illecito, in quanto ci si può recare con un mezzo proprio per sottoporsi a tampone.

In edicola
Prima pagina
Archivio notizie
Maggio: 2022
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
Abbonamento Digitale La Valléè