Arpa: qualità dell’aria buona nel 2022, ma attenzione all'ozono

Pubblicato:
Aggiornato:

La qualità dell'aria nel 2022 in Valle d'Aosta è stata «complessivamente buona». Lo sostiene l'Arpa VdA, l'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente, in un primo rapporto sintetico legato in particolare a 4 inquinanti. In particolare, le polveri sottili (pm10 e pm2.5), il biossido di azoto e il benzene - rilevato solo dalla centralina di piazza Plouves, ad Aosta - hanno rispettato i valori limite previsti dalla normativa in tutte le stazioni e «i valori misurati sono in linea con quelli degli anni precedenti».

Per l'ozono, sono stati rilevati alcuni «superamenti del valore obiettivo per la protezione della salute umana nella stazione di Donnas e superamenti del valore obiettivo per la protezione della vegetazione nelle stazioni di Donnas e di La Thuile».

I 4 inquinanti vengono misurati mediante gli strumenti automatici della rete di monitoraggio, che consentono di rilevare le concentrazioni in continuo e forniscono i valori in tempo reale.

«I dati sono stati validati dai tecnici dell'Arpa giorno per giorno nel corso dell'anno - scrive l'Agenzia in una nota - e i risultati delle misure sono presentati facendo riferimento ai limiti previsti dalla normativa vigente di qualità dell'aria, e all'andamento dei valori rilevati negli ultimi 10 anni di monitoraggio».

Per gli altri inquinanti normati, come i metalli e il benzoapirene, l'Arpa spiega che «la misura consiste nell'effettuare analisi di laboratorio su campioni di particolato raccolti nel corso dell'anno».

Si attendono, entro fine marzo, i dati dei campioni prelevati negli ultimi mesi del 2022.

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Marzo 2024
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031