Aquila nazista sui cancelli di casa: condanna confermata

Pubblicato:
Aggiornato:

I giudici della Cassazione hanno parzialmente riformato la condanna d’appello per Fabrizio Fournier, 60 anni, di Saint-Vincent, accusato di propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale etnica e religiosa. La Suprema Corte ha ridotto la condanna da 5mila euro a 4mila euro, in quanto ha annullato la parte della sentenza d'appello che riguardava i messaggi Whatsapp con i quali secondo l’accusa l’imputato avrebbe inviato link di filmati di carattere negazionista. Confermati anche i risarcimenti alle parti civili: 20mila euro alla Comunità ebraica di Torino, 10mila euro alla Regione Valle d'Aosta e 5mila euro all’Anpi. Su 2 cancelli di accesso alla propria casa - affacciati su una strada pubblica - secondo gli inquirenti aveva fatto installare un’aquila nazista e dei triangoli usati sulle divise degli internati. Fournier era poi accusato di aver pubblicato su Facebook dei video con contenuti negazionisti e di aver inviato via Whatsapp link a filmati, sempre di carattere negazionista, accompagnati da commenti come «Le camere a gas sono delle bufale» o «Sono stati fatti passare per mostri persone che non lo erano come il grande Adolf Hitler». Infine Fabrizio Fournier - che in base alle indagini si faceva chiamare “Naz” - aveva pubblicato su Facebook una sua foto mentre era intento a fare il saluto romano e nei messaggi con gli amici si lamentava del fatto di essere nato il 27 gennaio, Giorno della Memoria. Le indagini della Digos, coordinate dalla procura di Aosta, risalgono al 2018.

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Luglio 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031