Dal giornale

Anche la Valle d’Aosta è stata tra i protagonisti del Salone del Libro

Anche la Valle d’Aosta è stata tra i protagonisti del Salone del Libro
Dal giornale 28 Maggio 2022 ore 03:03

C’era molta Valle d’Aosta al Salone del Libro di Torino nella sua edizione da record. Con i suoi oltre 168.000 visitatori che hanno popolato il Lingotto e l’area esterna da giovedì 19 a lunedì 23 maggio, l’edizione 2022 ha registrato il più alto numero di visitatori di sempre. Tra gli stand, compreso quello istituzionale della Regione, anche lo scrittore - Premio Strega per “Le otto montagne” da cui è stato tratto il film in concorso al Festival di Cannes - Paolo Cognetti ha raccontato il suo rapporto speciale con la Valle d’Aosta e il suo nuovo libro “La felicità del lupo”. Nel padiglione 3, lo stand valdostano è articolato in spazi diversi, per le presentazioni, con un angolo firmacopie e l’esposizione nelle librerie dei cataloghi dell’Assessorato alla cultura. «Il ritorno della Valle d'Aosta con uno stand istituzionale al Salone del Libro è stato molto positivo - spiega Daria Jorioz, dirigente della struttura Attività espositive della Soprintendenza per i beni e le attività culturali - e ha consentito all'Assessorato di offrire una vetrina della cultura, dei beni culturali e del turismo nella nostra regione. Molti sono stati i visitatori dello stand, che hanno chiesto informazioni turistico-culturali, hanno potuto visionare l'offerta formativa dell'Università della Valle d'Aosta, consultare i volumi relativi alle mostre, ai siti archeologici e monumentali e alla lingua franco-provenzale. Lo scrittore Paolo Cognetti, protagonista di alcuni importanti eventi del Salone, è stato presente per alcuni momenti nello stand della Valle d'Aosta come testimonial d'eccezione, sottolineando come la montagna, e la Valle d'Aosta in particolare, stia godendo in questo periodo di una grande e meritata attenzione nell'ambito della cultura, della letteratura, del cinema, dell'editoria e dell'arte».

Uno degli editori che si sono appoggiati allo stand istituzionale per presentare le novità è Ennio Pedrini jr. «Dopo 7 anni in uno stand autonomo, per la prima volta siamo ospiti della Valle d’Aosta. Questo è un momento di riscoperta - racconta Ennio Pedrini - c’è il bisogno di riprendere il contatto umano quindi la liquidità, che porta anche gli autori a frequentare più stand, esiste di fatto. Sono soprattutto momenti di incontro tra l’editore e il pubblico, l’autore e i suoi lettori. Il Salone è la somma di tutto questo». Sono presenti in autonomia, da sempre, Eta Musciad e Silvio Canavese di Keltia. «Nata nel 1991, la nostra casa editrice è presente dal 1993 al Salone del Libro, non abbiamo mai mancato un anno. - ricorda Eta Musciad - Quest’anno, per quello che ho visto al Salone, c'è una rinascita del fumetto e da acquarellista e disegnatrice questo mi sta molto a cuore. Per il resto, riscontriamo una riscoperta della spiritualità, un interesse per la ricerca dell'inconscio, del trovare il punto giusto nel mondo dove anch’io ho un senso e un significato». Nel bello spazio dell’Oval sono tornati anche Priuli & Verlucca, editori con sede a Scarmagno, ma con una buona parte di catalogo dedicata alla Valle d’Aosta. «È stata un’ottima edizione che ci ha premiato molto sia in termini di interesse che di vendite - commenta Luca Priuli - per cui siamo non solo molto orgogliosi del lavoro svolto ma anche estremamente soddisfatti. Tutte le novità portate hanno riscosso un grande successo e molti clienti sono venuti a cercare i nostri libri storici, dimostrando che tuttora il catalogo desta molto interesse. In generale è stato un bel bagno di folla e ne siamo usciti molto contenti. Anche la posizione dello stand proprio all’ingresso dell’Oval ci ha premiato non poco dandoci una visibilità enorme». Una presenza originale è stata quella della Fondazione Sapegno, che è stata ospitata nello stand della compagnia di San Paolo con le sue attività per le scolaresche e il contributo teatrale della compagnia aostana Palinodie. «È stata l'occasione per portare in un contesto diverso l'attività che stiamo sperimentando al Parco della lettura di Morgex - spiega la direttrice della Fondazione Giulia Radin - e per creare nuove attività che rientrano nel nostro impegno di avvicinare i ragazzi i bambini al mondo della parola, per creare le condizioni per avere in futuro dei cittadini consapevoli in grado di interpretare il mondo che li circonda».

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Giugno: 2022
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930