Addio a Umberto Marchesini, giornalista di razza e anche direttore de La Vallée Notizie

Addio a Umberto Marchesini, giornalista di razza e anche direttore de La Vallée Notizie
Pubblicato:
Aggiornato:

Dopo una lunga malattia, è morto sabato scorso, 6 aprile, all'ospedale Beauregard di Aosta, Umberto Marchesini, già direttore dei quotidiani Il Giorno e La Nazione e per un breve periodo anche de La Vallée Notizie. Giornalista professionista, aveva 80 anni. Originario di Salsomaggiore Terme, in provincia di Parma, Umberto Marchesini da diversi anni viveva in Valle d'Aosta, dove aveva lavorato come inviato per seguire i soggiorni estivi di Papa Giovanni Paolo II a Le Combes di Introd. Qui ha conosciuto sua moglie, Manuela Vection, con cui viveva ad Arvier.

Giornalista ragazzino

Umberto Marchesini inizia quando ha solo 16 anni, come corrispondente da Salsomaggiore (dove è nato il 26 ottobre del 1943) per il Resto del Carlino, l'Avvenire d'Italia, la Gazzetta di Parma. Nel 1969 viene assunto a La Notte, quotidiano milanese del pomeriggio. Il direttore Nino Nutrizio lo assegna alla Cronaca. Nel 1971 diventa professionista. Approda al settimanale Oggi diretto da Vittorio Buttafava.

Il mestiere porta Marchesini in giro per l'Italia e l'Europa. Reportages che diventano un libro, «Ho visto la morte in faccia», uscito nel 1977. Nel 1980 è chiamato a dirigere - e a risollevare - la Gazzetta di Modena, missione compiuta.

Poi torma a fare l’inviato, per L'Occhio diretto da Maurizio Costanzo, quindi con il Resto del Carlino e La Nazione, memorabili i servizi dalla Calabria durante la stagione dei sequestri di persona.

Diventa capo della redazione Cultura e spettacoli, a Firenze. Dopo essere stato vice direttore, assume la direzione de Il Giorno nel marzo del 2000 e lo rimane per 2 anni dando vita - tra le altre cose - al settimanale sportivo Ola. Di quel periodo si ricorda anche la campagna stampa perché Emergency e iil suo fondatore Gino Strada vengano candidati al Premio Nobel per la Pace.

Miss Italia che passione

L'inviato Marchesini scrive anche di «bianca», di costume, come per gli arguti servizi che manda dalla sua Salsomaggiore per le finali di Miss Italia. «E’ stato un amico del concorso e uno dei giornalisti considerati come fratelli di Enzo Mirigliani e poi della figlia Patrizia» si legge sul sito Internet del concorso. «Umberto, che era di Salsomaggiore Terme, la città delle Miss per antonomasia, faceva parte degli amici inseparabili del patron con Alfonso Scotti del Corriere della Sera, Beppe Gualazzini del Giornale e Aldo De Luca del Messaggero. Sempre insieme, terminata la giornata di lavoro a Miss Italia, a scherzare e a cercare idee per il giorno dopo per dar vita a intere pagine sui quotidiani sulla storia delle Miss e del concorso in un clima di grande rispetto per la manifestazione».

L’avventura valdostana

In Valle d'Aosta, Umberto Marchesini ha permesso la nascita - nel 2002 - del quotidiano La Vallée Matin, grazie a un accordo di distribuzione con Il Giorno: 24 pagine della Valle d’Aosta e del Canavese e altrettante nazionali de Il Giorno. Un’avventura che ha condiviso con lo storico fondatore de La Vallée Notizie, Walter Barbero, scomparso il 5 agosto del 2018.

Successivamente Umberto Marchesini ha diretto La Vallée Notizie, prima di diventare consulente editoriale della Gazzetta Matin e delle testate edite dal gruppo Lg Presse.

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Luglio 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031