Addio a Ezio Diémoz, uomo buono e generoso

Addio a Ezio Diémoz, uomo buono e generoso
Pubblicato:
Aggiornato:

Era un uomo buono Ezio Diémoz, impegnato nel sociale e nel mondo del volontariato. Se ne è andato troppo presto, ad appena 60 anni, per un improvviso malore nella notte tra sabato e domenica scorsi, 1 e 2 giugno, nella sua casa di Saint-Christophe. Era membro del Consigli direttivo dei Volontari del Soccorso della Valpelline e per tanti anni è stato volontario della stessa associazione, oltre che della Protezione civile. «Che si trattasse di fare soccorso in ambulanza o nell’attività di sala operativa in Protezione civile era sempre preciso e disponibile. - hanno scritto sul proprio profilo Facebook i Volontari del Soccorso della Valpelline - Molto attivo in associazione, partecipava sempre anche alle attività “extra” e a quelle aggregative. Porteremo sempre con noi il suo sorriso». Era nato il 1° agosto del 1963 e, dopo gli studi al Liceo scientifico e il servizio militare come Vigile del Fuoco, ha trovato lavoro prima all’Olivetti e poi al Casinò di Saint-Vincent, dove era responsabile di sala. Sempre pronto a dare una mano agli altri, durante la pandemia è stato costantemente “in prima linea” a lavorare come volontario, senza mai tirarsi indietro. Aveva la grande passione di andare a pescare con suo papà Rémy, originario di Ollomont, mancato lo scorso anno. Amava anche i cani e in particolare i suoi due pitbull Zar e Kendra. Sposato con Cristina Girola, insegnante al Liceo Classico, lascia un figlio, Matthieu, la mamma Odilla Frimaire e le sorelle Daniela ed Elisabetta.

Abbonamento Digitale La Valléè
Archivio notizie
Luglio 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031