Dal giornale

A Verrès per il 25 Aprile intitolata una piazza al dottor Renato Ceretto

A Verrès per il 25 Aprile intitolata una piazza al dottor Renato Ceretto
Dal giornale 30 Aprile 2022 ore 04:16

La 77esima Festa della Liberazione celebrata lunedì scorso, 25 aprile, a Verrès ha regalato emozioni e grande coinvolgimento per il fatto di ritrovarsi nuovamente dopo il difficile tempo della pandemia. «Ora - ha detto il sindaco Alessandro Giovenzi nel suo discorso in piazza René de Challant - stiamo affrontando una nuova emergenza perché, a duemila chilometri da noi, si combatte una guerra». Si combatte per quella libertà, che non è mai scontata, che i nostri nonni e padri hanno voluto per noi oggi, quella libertà, come ha detto il Sindaco, «che è e si può realizzare attraverso i gesti quotidiani di altruismo e rispetto civico». A testimoniare l'impegno che ogni cittadino può investire nel promuovere il valore della libertà sono stati i tanti bambini presenti. Le letture, sentite ed emozionanti, di componimenti in riferimento ad alcuni articoli della Costituzione Italiana sono state curate proprio da alcuni alunni delle classi quinte della scuola primaria di Verrès. «Non dobbiamo dimenticare nessuna guerra - ha detto nel suo intervento Nedo Vinzio, presidente dell’Anpi regionale - perché, solo in Africa, sono attivi 49 conflitti. Nello stesso tempo dobbiamo essere certi che l'invio di armi per la risoluzione della guerra in Ucraina non è la soluzione. Quest'ultima risiede nelle parole di papa Francesco; bisogna passare dal detto latino “se vuoi la pace prepara la guerra” a “se vuoi la pace prepara la pace”». In conclusione della mattinata, insieme alle organizzazioni di volontariato presenti sul territorio, l'Amministrazione comunale ha scoperto la targa che intitola la piazza adiacente il polo medico alla memoria del dottor Renato Ceretto. Chi lo ha conosciuto ricorda la sua devozione nella professione che aveva scelto, la cura premurosa che aveva nel visitare chi lo chiamava in qualsiasi momento della giornata nonché il grande dono che ha fatto di 2 ambulanze donate per i servizi di soccorso a Verrès e a Châtillon: un esempio, nel giorno celebrativo del 25 Aprile, di quell'essere cittadini di pace anche nel condurre il proprio lavoro quotidiano a fianco e per la comunità.

In edicola
Prima pagina
Archivio notizie
Maggio: 2022
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
Abbonamento Digitale La Valléè